Nuovi impianti a Cervinia, Valtournanche e Zermatt

Tutti i commenti sulle località di Cervinia, Valtounenche e Zermatt. In collaborazione con MatterhornSkiParadise.com

Moderatori: sergio, Davidsnow

Davidsnow
livello: sci uniti
Messaggi: 192
Iscritto il: 13 feb 2006, 11:19
Località: Genova
Contatta:

Re: Nuovi impianti a Cervinia, Valtournanche e Zermatt

Messaggioda Davidsnow » 16 mag 2013, 13:41

Si tratta di un ipotetico ascensore per avere un nuovo collegamento con la svizzera, fatto prevalentemente per gli svizzeri visto che non hanno impianti ad alta portata per poter venire in italia. Tuttavia penso che il progetto verrà abbandonato poichè superfluo alla luce del nuovo impianto che dovrebbe garantire un diverso accesso al Piccolo Cervino.

Avatar utente
andrea
Site Admin
Messaggi: 3335
Iscritto il: 27 gen 2006, 00:01
Contatta:

Re: Nuovi impianti a Cervinia, Valtournanche e Zermatt

Messaggioda andrea » 16 mag 2013, 22:15

del nuovo impianto che dovrebbe garantire un diverso accesso al Piccolo Cervino.


Intendi il progetto per un funifor che sale al Piccolo Cervino in sostituzione dell'attuale funivia?

Davidsnow
livello: sci uniti
Messaggi: 192
Iscritto il: 13 feb 2006, 11:19
Località: Genova
Contatta:

Re: Nuovi impianti a Cervinia, Valtournanche e Zermatt

Messaggioda Davidsnow » 25 mag 2013, 11:21

Intendo il nuovo impianto Trockener Steg - Klein Matterhorn in sostituzione dell'attuale funivia, previsto per il 2015.

bussola
livello: spazzaneve
Messaggi: 13
Iscritto il: 21 gen 2011, 09:58

Re: Nuovi impianti a Cervinia, Valtournanche e Zermatt

Messaggioda bussola » 29 mag 2013, 11:52

credo che l'anno prossimo entrerà in funzione la nuova Plateau-Piccolo Cervino.
così si potrà andare da Cervinia a Zermatt e viceversa senza sci...
per gli sciatori non credo serva a molto
ciao

Davidsnow
livello: sci uniti
Messaggi: 192
Iscritto il: 13 feb 2006, 11:19
Località: Genova
Contatta:

Re: Nuovi impianti a Cervinia, Valtournanche e Zermatt

Messaggioda Davidsnow » 08 giu 2013, 15:16

L'impianto Plateau-Piccolo Cervino è previsto per il 2017

Alessandro
livello: sci uniti
Messaggi: 200
Iscritto il: 16 ott 2004, 11:37

Re: Nuovi impianti a Cervinia, Valtournanche e Zermatt

Messaggioda Alessandro » 17 giu 2013, 22:42

Ma non avrebbero dovuto terminare i lavori nel 2015? Sono già due o tre estati che ci lavorano...

marcobuoni
livello: spazzaneve
Messaggi: 5
Iscritto il: 16 set 2012, 17:34

Re: Nuovi impianti a Cervinia, Valtournanche e Zermatt

Messaggioda marcobuoni » 22 ago 2013, 09:12

Spero inoltre che mettano un po di ordine a tutte le costruzioni che ci sono in cima a Testa Grigia (Plateau Rosa). Quando si vedono da lontano tutti questi edifici di diversa concezione e periodo, sembrano proprio un ecomostro.

Alessandro
livello: sci uniti
Messaggi: 200
Iscritto il: 16 ott 2004, 11:37

Re: Nuovi impianti a Cervinia, Valtournanche e Zermatt

Messaggioda Alessandro » 23 ago 2013, 11:20

A quanto ricordo avevano lasciato anche le vecchie stazioni interme a Cime Bianche, dismesse da almeno 20 anni..

Davidsnow
livello: sci uniti
Messaggi: 192
Iscritto il: 13 feb 2006, 11:19
Località: Genova
Contatta:

Re: Nuovi impianti a Cervinia, Valtournanche e Zermatt

Messaggioda Davidsnow » 02 set 2013, 23:06

Confermo che le vecchie stazioni sono ancora lì... purtroppo!!!

bussola
livello: spazzaneve
Messaggi: 13
Iscritto il: 21 gen 2011, 09:58

Re: Nuovi impianti a Cervinia, Valtournanche e Zermatt

Messaggioda bussola » 10 set 2014, 09:19

Incollo articolo da "LA STAMPA" del 5/9

Maxi funivia, obiettivo il vallone di Courtod
Il progetto del collegamento delle piste di Valtournenche e Ayas. Ma il dibattito si apre tra le polemiche

I 60 milioni preventivati è possibile che non basteranno, ma il luogo è ormai senza alternative: il pezzo mancante per fare uno dei più grandi comprensori sciistici delle Alpi sarà costruito nel vallone di Courtod, l’equivalente ad Ayas di quello di Cime Bianche in Valtournenche. Il «sì» è legato alla condivisione del progetto (già molto criticato) da parte della popolazione e al necessario equilibrio costi-benefici. È questo l’obiettivo di AlpLinks, progetto Interreg con capofila Valtournenche che comprende anche i Comuni di Ayas e Gressoney, più le funivie del Cervino, Monterosaski e quelle di Zermatt. Ne fa parte anche la Regione e la Finaosta nel «comitato di pilotaggio».

La funivia di otto chilometri tra i 1689 metri di Saint-Jacques di Ayas e i 2982 del Colle Superiore delle Cime Bianche, dove già arrivano impianti dalla Valtournenche. Il gruppo canadese di progettisti che ha come riferimento il valdostano Enrico Ceriani ha scartato alcune alternative di progetto, quali il collegamento Frachey di Ayas-Gobba di Rollin (il ghiacciaio è quello che scende al Plateau Rosa) più a oriente rispetto al vallone di Courtod, oppure verso la conca di Cheneil, più a Sud. L’altra faccia delle Cime Bianche risulta il progetto possibile. «Entro il 31 dicembre sarà pronto il Master plan - dice Riccardo Mantegari, che coordina la parte amministrativa del progetto -. È un piano di fattibilità tecnica e insieme di sostenibilità economica e ambientale. Poi c’è il necessario sondaggio tra le popolazioni di cui si occupa il Comune di Gressoney-Saint-Jean.

Il vallone di Courtod, se il master plan dirà «sì» all’opportunità, sarà dunque la zona scelta per concludere il giro intorno al Monte Rosa (mancherebbe ancora il collegamento con Macugnaga). Vallone che è importante dal punto di vista naturalistico (di qui l’opposizione di legambiente e la polemica sollevata dal fotografo Sandro Unterthiner). È un’area Zps, una tutela maggiore rispetto a quelle definite Sic. Per questo è stata coinvolta nel progetto finanziato dall’Europa (circa 200 mila euro per il Master plan) anche la Fondazione Montagna Sicura di Courmayeur. Ci sono antiche morene, un pianoro di zona umida e un paesaggio di notevole bellezza. «C’è anche l’estate a cui pensare - dice il segretario di Montagna sicura Jean-Pierre Fosson -, non è soltanto una questione di sci. È giusto coinvolgere il più possibile, federare le coscienze intorno al progetto. Sentire il parere anche degli ambientalisti».

Di estate parla anche il sindaco di Ayas Giorgio Munari: «Occorre porre molta attenzione all’ambiente, è un vallone di grande interesse. Per questo si cerca anche di preservare il più possibile l’itinerario per il Gran Lago e di limitare lo sci. Niente innevamento artificiale e fuori pista nella parte bassa del vallone, fino a Frachey». Quegli otto chilometri di funivia saranno divisi da una stazione internedia a quota 2300 metri. Lì, sulla sinistra orografica del vallone, non distante dall’alpeggio Mase, arriverà la pista dal Colle Superiore delle Cime Bianche, approdo finale della funivia. «Già oggi - spiega Munari - i maestri di sci fanno fuori pista con alcuni clienti nel vallone che è diviso dalle gibbosità centrali. Sulla parte destra è soggetto a valanghe, ma i versanti molto in pendenza scaricano in fretta. Dall’altra parte c’è un lungo pianoro». Quello vicino all’alpeggio Mase.

Sci limitato, ma funivia lungo l’intero vallone per poter chiudere il collegamento con il comprensorio di Cervinia, quindi di Zermatt. La stazione intermedia è necessaria perché le campate non possono superare i 4 chilometri. Nella parte alta del Courtod, verso il Colle Superiore delle Cime Bianche saranno piazzati quattro piloni.

******
Commento personale : Mah

Saluti a tutti


Torna a “Sciare nel Matterhorn Ski Paradise”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti