Via Lattea e skilift doppi

Qui discutiamo in maniera più approfondita e seria sulle località sciistiche italiane e straniere. Nuovi impianti, progetti di ampliamento, sviluppo turistico..
Alessandro
livello: sci uniti
Messaggi: 200
Iscritto il: 16 ott 2004, 11:37

Via Lattea e skilift doppi

Messaggioda Alessandro » 17 ott 2004, 17:19

Vi sempra possibile che questa estate si stia costruendo uno skilift doppio (Fratrive 3) a San Sicario grazie ai soldi olimpici? Perchè nn costruire una seggiovia, di skilift doppi ce ne sono già fin troppi nella Vai Lattea, ache in punti strategici..

Ospite

Impianti olimpici

Messaggioda Ospite » 08 ott 2005, 14:16

Sono assolutamente d'accordo con te. Mi sembra che si stia perdendo una grande occasione. Quello che hai citato è senza dubbio il caso estremo ma io vedo diversi altri casi analoghi nella Via Lattea. Esempi?
-Funivia 70 posti a Pragelato (il terreno poteva adattarsi facilmente ad una telecabina o a una o due seggiovie, con notevole risparmio di denaro)
-Seggiovia ad ammorsettamento fisso Nuovo Garnel (in Trentino avrebbero costruito una esaposto ad ammorsettamento automatico con copertura)
-Diverse nuove seggiovie, tutte rigorosamente non coperte, all'insegna della grande scomodità (Trebialis, La Coche - Serra Granet - Colle Bercia..)
-Abrogazione della cabinovia Oulx - Sportinia, a mio avviso estremamente utile sia per ridurre il traffico, sia per attrarre più sciatori, sia perchè utile durante il periodo olimpionico. Stralciata per l'opposizione del comune di Oulx, al suo posto verranno costruite (forse) due seggiovie. A prescindere dal fatto che non si sa quando verranno costruite (certo non prima delle olimpiadi) non si capisce che senso abbia far salire gli sciatori su una seggiovia a Oulx. Molto più logico una ovovia, visto che qui non si scierà.
Perchè nella Via Lattea non ne vogliono sapere di coprire gli impianti? Sarò viziato, però...

Avatar utente
El posta sempar lu
livello: sci totale
Messaggi: 1621
Iscritto il: 06 ott 2005, 15:26
Località: castellanza
Contatta:

Messaggioda El posta sempar lu » 08 ott 2005, 15:18

Il problema è che il trentino è una regione a statuto autonomo. I soldi decidono come spenderli loro stessi, con pochi iter burocratici da seguire, meno controlli. Con più facilità di poter spendere soldi sugli impianti e via dicendo. Già solo il passaggio al comprensorio di Arabba durante il SellaRonda, che è in Veneto, fa capire come gli investimenti e gli incentivi siano diversi.

Ospite

Regioni a statuto autonomo o no?

Messaggioda Ospite » 08 ott 2005, 15:53

Hai ragione però contano molto anche le persone. Guarda quello che stanno facendo al Tonale e paesi vicini (in Lombardia). Investimenti del genere sono rari anche in Trentino.

Secondo me è anche e soprattutto una questione di mentalità. Se vuoi risparmiare sulla copertura di una seggiovia devi essere conscio che il cliente sarà meno contento. Da qualche parte alzano le spalle, da qualche altra pensano che la soddisfazione del cliente conta veramente.

E' vero che ad Arabba gli impianti sono meno efficenti che altrove all'interno della Sellaronda, ma sono comunque degli ottimi impianti. In Piemonte se li sognano. Solo i due skilift del Campolongo sono scomodi e non capisco cosa aspettino a cambiarli...

Avatar utente
Rob_Roy
livello: sci totale
Messaggi: 2237
Iscritto il: 11 nov 2005, 11:48
Località: Monte San Pietro (BO)
Contatta:

Messaggioda Rob_Roy » 12 nov 2005, 02:29

Sono stato a sciare 2 volte in vialattea, una a Sestriere e l'altra a Sauze e devo ammettere che sono anni luce dalle mie più vicine dolomiti, Trentino o Veneto che dir si voglia (non si può certo dire che in Veneto, in posti tipo il Civetta o Falcade ci siano degli impianti schifosi o delle piste tenute male!!!!).

L'anno scorso a Sestriere, occasione prima neve (hotel + skipass) è stata pura follia: 3 gatti della neve che tiravano la pista per il mondiale, ovviamente chiusa, una pista rossa aperta che dovevi fare un pezzo in salita a piedi per arrivarci ed un paio di piste azzurre, fine del megacomprensorio di 400 km. di piste (della serie: Vialattea senza confini).
I cannoni sono ridicoli e comunque non li usavano, tutta la gente che arrivava era incazzata nera perchè ovviamente non aprivano gli impianti, una tragedia!

Gli skilift invece evidentemente sono una abitudine e pure messi in posti strategici! Quando uno vuole passare dal comprensorio di Sauze a Cesana (mi pare), il rientro è da delirio puro, ore di coda per prendere uno dei 2 ski-lift a disposizione!

E pensare che delle piste belle ce ne sarebbero veramente....

Boh, francamente io ci sono stato 2 volte, ho visto 4 piste ma mi è bastato, spenderò di + ma vado dove sono sicuro di avere servizi migliori.

Di fatti se vedete le offerte che fanno in alcuni periodi sono strepitose: io avevo 2 bimbe inferiori a 8 anni mi facevo 4 giorni con ski-pass e le 2 bimbe gratis ad un prezzo ridicolo, ma se devo farmi 400 e passa km. per andare a sciare su un paio di azzurre vaf****lo, me ne faccio 100 e vado a sciare sull'appennino!

Bye :)

Avatar utente
El posta sempar lu
livello: sci totale
Messaggi: 1621
Iscritto il: 06 ott 2005, 15:26
Località: castellanza
Contatta:

Messaggioda El posta sempar lu » 12 nov 2005, 10:57

Io ho preso già il biglietto per le Olimpiadi. Con tutto quello che avete scritto mi viene voglia di rivenderlo visto che pensavo di andare a sciare oltre che vedere la gara.
Al sestriere nn ci sono mai andato: a questo punto ci penso bene prima di farci una scappatella.

Ospite

Messaggioda Ospite » 12 nov 2005, 11:28

Il Sestriere è un bellissimo posto, secondo me. Se non ci sei mai stato devi assolutamente vederlo. Semplicemente non sempre è gestito bene. Occhio che durante le Olimpiadi molti impianti e molte piste saranno chiusi rendendoti la sciata piuttosto noiosa. Ci saranno comunque chiusure e limitazioni a partire dal 9 gennaio 2006 per i preparativi. Prima ci saranno altri probabili problemi tipo nuovi impianti non ancora inaugurati. Nel dettaglio

Sauze d’Oulx, Claviere e Cesana non avranno alcuna limitazione di piste ed impianti durante tutto il periodo invernale

Sestriere: limitazioni a partire dal 9 gennaio sulle piste di gara. CHIUSURA TOTALE dal 30 gennaio al 26 febbraio 2006 agli sciatori con l'unica esclusione della telecabina Col Basset. Nuova Telecabina Frateive aperta fino al 26 gennaio (sempre se sarà pronta in tempo)

Stesso discorso vale per San Sicario: piste da gara e da allenamento chiuse dal 9 al 29 gennaio e poi chiusura totale sino al 26 febbraio.

Tutto il comprensorio sarà completamente accessibile agli sciatori a partire dal 27 febbraio. Io ti consiglio di andarci dopo quella data perchè allora sì che potrai divertirti alla grande

Avatar utente
Rob_Roy
livello: sci totale
Messaggi: 2237
Iscritto il: 11 nov 2005, 11:48
Località: Monte San Pietro (BO)
Contatta:

Messaggioda Rob_Roy » 12 nov 2005, 12:01

Guarda, mi ripeto un attimo: io l'anno scorso sono andato al Sestriere perchè pensavo di trovare una roba incredibile a livello di piste ed impianti in quanto la stazione è super-rinomata, ma sono stato profondamente deluso:
.) approccio poco propositivo di chi gestisce gli impianti\piste: c'era effettivamente poca neve, ma i ridicoli cannoni che c'erano erano comunque spenti e di impianti aperti c'erano 4 ridicole seggiovie (di cui una dovevi scarpinare a piedi per prenderla e ti portava su una pista in cui dovevi scarpinare a piedi in salita per arrivare a dove era battuta) e 3 ski-lift: 2 in parallelo per una pista azzurra di qualche centinaio di metro ed uno sul campo scuola; l'nica azzurra decente era ovviamente assalita da tutti, quindi si sciava sui sassi (ho rovinato il mio snow, gli sci di mia moglie e gli sci di mia figlia maggiore)
.) il paese: una tristezza assurda, poi negli hotel manca il bidet (almeno in quello che sono andato io, 3 stelle)
.) organizzazione generale per la pulizia delle strade e degli ski-bus: la fermata è a circa 300 metri dagli impianti; l'anno scorso dove salivi e scendevi c'erano lastre di ghiaccio da paura, evidentemente il sale costa e serve solo per condire l'insalata
.) noleggio sci e racchette per bambina di 6 anni per 5 giorni (scarponi e casco di proprietà): 50€
.) noleggio sdraio quando mi sono depresso per le condizioni schifide del comprensorio a disposizione: 3,5€
.) parcheggio auto: 3,5€

Questo è quanto...

Bye :shock:

Ospite

Messaggioda Ospite » 14 nov 2005, 09:18

D'accordo con te sulla scarsa cura dei particolari. Ma se vai a sciare un giorno in cui siano aperti tutti gli impianti o quasi ti divertirai sicuramente. Poi troverai anche le seggiovie ad un posto o gli skilift doppi in punti strategici. Ma nel complesso mi sento di promuovere la Via Lattea. PEr quanto rigurda la ricettività non ti so dire nulla, sono sempre andato e tornato in un giorno.

Avatar utente
Rob_Roy
livello: sci totale
Messaggi: 2237
Iscritto il: 11 nov 2005, 11:48
Località: Monte San Pietro (BO)
Contatta:

Messaggioda Rob_Roy » 14 nov 2005, 10:17

Se lo fai in giornata con gli impianti aperti penso che ne hai da stancarti in quel comprensorio! :wink:

Io abito a Bologna, per arrivare a Sauze ho 420 Km., a Sestriere non ricordo ma è ancora peggio, sai com'è, con 250 Km. arrivo alle prime Dolomiti e la differenza la vedo...

Purtroppo sulle dolomiti ormai quasi ovunque ti fanno pagare anche i litri d'aria che respiri e quante scoreggie fai :shock: :oops: , in Vialattea fanno delle offerte incredibili, ma il discorso è poi sempre quello, se devo farmi centinaia di km. per risparmiare qualche centinaio di € e sciare su 2 piste sassose vado a sciare qui al Cimone e mi diverto d+.

Quest'anno forse riprovo Sauze, tornando alla baita CiaoPais, almeno anche se non c'è neve si mangia che è una cosa da delirio.... :D :D :D

Bye :P


Torna a “Sviluppo aree turistiche”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti