Meglio i megacomprensori o quelli piccoli ma tosti?

Parliamo delle località sciistiche Italiane. Qui trovi i reportage delle nostre e delle tue uscite sugli sci, la descrizione delle migliori stazioni alpine e appenniniche. E ancora curiosità, aggiornamenti, novità e richieste di consigli.

Moderatori: Rob_Roy, El posta sempar lu

mauropd
livello: virate
Messaggi: 105
Iscritto il: 25 nov 2007, 19:17
Località: padova

Re: Meglio i megacomprensori o quelli piccoli ma tosti?

Messaggio da mauropd » 26 gen 2009, 18:17

Caro Kithoson, ieri sono stato a San Martino e ho fatto la Rekord pensando ai tuoi post!!! Ottimo...
E ieri c'era una neve spettacolare!! Molto veloce!!
Però la "punta ces direttissima" era chiusa per pericolo di valanghe non l'avevano neppure battuta :(

trev
livello: spazzaneve
Messaggi: 9
Iscritto il: 26 gen 2009, 13:20

Re: Meglio i megacomprensori o quelli piccoli ma tosti?

Messaggio da trev » 26 gen 2009, 21:48

I piani di bobbio saranno anche un bellissimo posto, che a me piace molto, ma dire che siano tosti mi sembra molto azzardato :shock:
Infatti ho scritto 'abbastanza tosti'.

Le tre piste che scendono a Valtorta sono discretamente impegnative (in particolare la Cedrino); il muro della Orscellera è carino, la pista di rientro a Barzio una figata (se fosse innevata, peccato i sass).

Avatar utente
Kithoson
livello: virate
Messaggi: 132
Iscritto il: 05 dic 2008, 01:39

Re: Meglio i megacomprensori o quelli piccoli ma tosti?

Messaggio da Kithoson » 27 gen 2009, 10:35

mauropd ha scritto:Caro Kithoson, ieri sono stato a San Martino e ho fatto la Rekord pensando ai tuoi post!!! Ottimo...
E ieri c'era una neve spettacolare!! Molto veloce!!
Però la "punta ces direttissima" era chiusa per pericolo di valanghe non l'avevano neppure battuta :(
Grande Mauro!
Peccato per punta ces, ma quando ci sono ragioni di sicurezza fanno bene a prendere le giuste precauzioni!

Avatar utente
sanvito25
livello: sci uniti
Messaggi: 228
Iscritto il: 22 giu 2008, 16:02
Località: Bologna

Re: Meglio i megacomprensori o quelli piccoli ma tosti?

Messaggio da sanvito25 » 04 feb 2009, 22:21

A proposito di piccoli ma tosti, mio fratello (giornalista di sci, di quelli che passano ogni weekend in una località diversa delle Alpi gratis e con ogni tipo di escursione organizzata) mi segnala:
- Maranza, dove è stato lo scorso weekend (in Alto Adige)
- Courmayer: dice che è molto più piccolo di La Thuile e Cervinia, ma nel genere del "piccolo (medio) ma tosto" è veramente bello.

Voi del nord-ovest, che ne pensate?

Avatar utente
andrea
Site Admin
Messaggi: 3360
Iscritto il: 26 gen 2006, 23:01
Contatta:

Re: Meglio i megacomprensori o quelli piccoli ma tosti?

Messaggio da andrea » 04 feb 2009, 23:04

Courmayeur è più piccolo delle sorelle valdostane che citi ma secondo me è anche il meno bello. Le piste sono generalmente abbastanza toste ma anche molto battute e questo rovina un po' la giornata. Gli scenari, questo sì, sono incredibili..

Maranza invece non lo conosco bene

davide f 3
livello: virate
Messaggi: 135
Iscritto il: 14 feb 2008, 15:54
Località: Busto Arsizio

Re: Meglio i megacomprensori o quelli piccoli ma tosti?

Messaggio da davide f 3 » 05 feb 2009, 15:12

A Maranza ci sono stato d'estate, ma mai d'inevrno ( e quindi neanche a sciare), come paese è carino. si tratta di un villaggio sparso su un altopiano che domina l'imbocco della val pusteria. si sale da rio pusteria, in macchina o in funivia. da quello che ricordo, ci sono 2 skilift per principianti in paese, mentre la maggior parte delle piste scende dal monte gitschberg, e sono servite da cabinovie e seggiovie. Il comprensorio non è molto grande (22 km), e non si trova ad una quota elevatissima. altro non so. posso solo dirti che come paese maranza è carino.

Avatar utente
sanvito25
livello: sci uniti
Messaggi: 228
Iscritto il: 22 giu 2008, 16:02
Località: Bologna

Re: Meglio i megacomprensori o quelli piccoli ma tosti?

Messaggio da sanvito25 » 18 feb 2009, 18:43

Confrontate queste statistiche di 4 mie giornate di sci (poche ore ciascuna) in 4 comprensori diversi

Monte Elmo
9 impianti
5221 metri di dislivello
25 km. di piste

Croda Rossa di Sesto
7 impianti
3054 metri di dislivello
16 km. di piste

Alta Badia
15 impianti
3651 metri di dislivello
22 km. di piste

Cortina
16 impianti
4866 metri di dislivello
24 km. di piste

Monte Elmo e Croda Rossa: piccoli ma tosti.
Cortina: una via di mezzo, dipende molto da che piste si fanno
Alta Badia: tanti impianti e poco dislivello (a meno che non fai sempre Gran Risa su e giù ....)

stevens
livello: virate
Messaggi: 92
Iscritto il: 03 set 2012, 15:45
Località: Firenze

Re: Meglio i megacomprensori o quelli piccoli ma tosti?

Messaggio da stevens » 08 gen 2018, 16:06

Esprimo il mio modesto parere su un argomento che differenzia, di molto, il gusto dello sciatore.
A mio parere chi va a sciare ogni tanto, la scelta ricade sui grandi comprensori perché a fine giornata ti senti le gambe tremolanti ma soddisfatto di aver fatto quel giro o raggiunto quella località.
Anche a me piace spostarmi da una valle all'altra con gli sci ai piedi per poi tornare la sera a guardare la skimap e sentirsi soddisfatti per il gran numero di impianti presi e di piste fatte.
Penso però che la scelta tra piccole stazioni o megacomprensori vada fatta anche in base al periodo in cui decidi o puoi sciare.
A mio giudizio fare il giro del sellaronda in periodi di calca, tipo Festività o metà febbraio-inizi marzo non abbia un gran senso per chi ama sciare.
In questi periodi si passa sicuramente più tempo in coda agli impianti che non sulle piste, così come la stessa pista fatta in bassa stagione con poca gente o in alta stagione con un formicaio di gente non regala le stesse emozioni.
Per questo motivo il 6 gennaio mi sono orientato su un piccolo comprensorio, il Catinaccio di Vigo di Fassa dove ho trascorso una bellissima giornata di sci.
E' vero il Catinaccio offre appena 6 impianti (ad oggi 5 visto che la seggiovia vjolet 1 ancora non è stata montata e lo sarà entro la fine del mese) ma regala il gusto di poter fare belle piste senza la folla del mega comprensorio. In questa giornata ho potuto pranzare in uno dei tanti rifugi della ski area senza dover sgomitare per trovare un posto libero e senza dover affrettarmi a lasciare il tavolo perché c'è gente che aspetta.
Tra l'altro il Catinaccio offre pure la possibilità al bravo sciatore di testare le proprie gambe.
La nera Tomba è senza dubbio una bella pista da slalom, lunga poco meno di 1 km ma con una buona pendenza
20180106_111553.jpg
I panorami lasciano a bocca aperta
20180106_103644.jpg
L'altra pista di rilievo è senza dubbio la Thoni che scende dalla cima di Pra Martin a 2095 m giù fino in paese di Vigo a 1390. E' una pista rossa di 4,5 km, non banale, molto veloce e divertente dove si possono tirare dei bei curvoni.
Il comprensorio è poi completato da piste minori, facili si ma comunque divertenti in quanto si possono affrontare in gran velocità facendo lavorare le lamine
20180106_104524.jpg
.
A riprova che anche il piccolo comprensorio ha il suo fascino lo testimonia mio figlio (già bravino) che a fine giornata mi dice: babbo sono stanco ma si ritorna?
Ultima considerazione: per chi si fosse pentito della scelta del piccolo comprensorio, a metà giornata può optare di prendere lo ski bus che parte difronte alla funivia di Vigo ed in 7 minuti è alla partenza della cabinovia di Pozza. Da qui può spaziare dove vuole, ma il mio consiglio è quello di non allontanarsi troppo e fermarsi "solo" sullo ski tour Panorama 19 impianti e 42 km di piste. E' certo però che in questo caso non avrete goduto appieno della pace del piccolo comprensorio.
20180106_134520.jpg
.
Quella sullo sfondo è la Vulcano, capisco che sia difficile rinunciarci ma ..... a voi la scelta.
Saluti

Stevens

Rispondi