-- Milano DARK A.R.V.A. Camp 1.0 --

Le vostre avventure fuoripista con sci, snowboard e ciaspole. Tutte le vostre domande, le vostre esperienze e molto altro sul freeride e sulle passeggiate sulla neve

Moderatori: uro.isw038, mcolombo

Rispondi
Avatar utente
uro.isw038
livello: sci uniti
Messaggi: 415
Iscritto il: 01 mar 2007, 10:10
Contatta:

-- Milano DARK A.R.V.A. Camp 1.0 --

Messaggio da uro.isw038 » 29 ott 2009, 18:40

-- Milano DARK A.R.V.A. Camp 1.0 --

E' una realta', da oggi nessuno avra' piu' scuse per non saper usare il proprio gingillo, e' nata una nuova era, L'ARVA DARK Camp!!!

Un'esperienza che il grande pubblico puo' solo immaginare...
La release 1.0 e' stata rilasciata ma l'evolution e' gia' alle porte....

http://tinyurl.com/DARKARVACAMP

!!!Stay Tuned!!!!
44563-001arvacamp.jpg


Prima Ricerca:

Distanza dal seppellito circa 70 mt.
Singolo arva in trasmissione
Ricerca multipla camminando paralleli alla distanza di 15 mt circa

Immagine

Partiti belli convinti.
Essendo la prima ricerca abbiamo passato 5 minuti a capire chi si era scordato di commutare lo strumento in ricerca...
ma anche questo insegna!!!
Individualmente o in coppie abbiam preso coscenza del proprio modello, a breve io stavo gia' inseguendo Ziggy che con il suo PULSE
correva verso il sepolto ;)
La tentazione di alterare la propria traettoria di ricerca e' forte quando si e' in piu' persone a cercare ma se il numero di sepolti non e' noto questa non e' cosa bella.
______________________________________________________________________________

Secondo Tracciato:
Distanza ~130mt
2 apparecchi sepolti
Ricerca a piccoli gruppi (2-3 ARVA/Sessione)
Immagine


______________________________________________________________________________

Terzo Tracciato:
Distanza ~90mt
1 apparecchio sepolto
Ricerca singola

Tracciate con diversi colori le traiettorie di massima rilevate durante la ricerca.
I casi andati 'lunghi' avevano una velocita' d'ingresso in zona aggancio digitale abbastanza elevata,
cosa che probabilmente non ha permesso allo strumento di segnalare per tempo l'allontanamento
(finendo nuovamente in zona di ricerca primaria).

Immagine

gialla zoolander
livello: spazzaneve
Messaggi: 6
Iscritto il: 29 ott 2009, 16:16

Re: -- Milano DARK A.R.V.A. Camp 1.0 --

Messaggio da gialla zoolander » 30 ott 2009, 10:58

ciao uro, l'ultima immagine e' abbastanza inquietante, ma si puo' andare cosi lunghi anche con i digitali 3 antenne? spero sia solo questione di tempi di reazione dello strumento, cioe' che quelle deviazioni siano comunque avvenute nell'arco di decine di secondi non di diversi minuti...

Avatar utente
uro.isw038
livello: sci uniti
Messaggi: 415
Iscritto il: 01 mar 2007, 10:10
Contatta:

Re: -- Milano DARK A.R.V.A. Camp 1.0 --

Messaggio da uro.isw038 » 30 ott 2009, 11:37

Ciao Gialla, i lunghi come accennvo sono stati figli della competizione, la fretta non e' mai buona consigliera neppure in caso di sopravvivenza. Se arrivi al limite dell'aggancio A/D e sei molto veloce (qualcuno correva) lo attraversi senza neppure rendertene conto. Io per abitubine procedo abbastanza lento e quando lo strumento passa al digitale rallento ulteriormente. sara' un caso ma alla fine penso che paghi, mi sono ritrovato ad effettuare una delle traiettorie piu' dirette ed il tempo anche se ero piu' lento a muovermi e' stato tra i piu' bassi.
Non voglio neppure immaginarmi in casi reali quanti 'ciuchi' si possano prndere quando si e' in stato emozionale critico e in completo affanno fisico... :(

CIauuuu

gialla zoolander
livello: spazzaneve
Messaggi: 6
Iscritto il: 29 ott 2009, 16:16

Re: -- Milano DARK A.R.V.A. Camp 1.0 --

Messaggio da gialla zoolander » 30 ott 2009, 11:54

uro.isw038 ha scritto:Ciao Gialla, i lunghi come accennvo sono stati figli della competizione, la fretta non e' mai buona consigliera neppure in caso di sopravvivenza. Se arrivi al limite dell'aggancio A/D e sei molto veloce (qualcuno correva) lo attraversi senza neppure rendertene conto. Io per abitubine procedo abbastanza lento e quando lo strumento passa al digitale rallento ulteriormente. sara' un caso ma alla fine penso che paghi, mi sono ritrovato ad effettuare una delle traiettorie piu' dirette ed il tempo anche se ero piu' lento a muovermi e' stato tra i piu' bassi.
Non voglio neppure immaginarmi in casi reali quanti 'ciuchi' si possano prndere quando si e' in stato emozionale critico e in completo affanno fisico... :(

CIauuuu
daccordissimo

ma come correva? tipo giochi senza frontiere ?? :-)))) del resto in una simulazione del genere correre non e' assulutamente realistico, di certo non corri sul trifolo di una slavina.

ps: io ho appena acquistato un S1 e non vedo l'ora di esercitarmici un po.

Rispondi