I nuovi materiali?

Parliamo di attrezzatura per lo sci. In questa sezione è possibile dare e chiedere consigli e anche comprare o vendere l'equipaggiamento per lo sci e per la montagna

Moderatore: lotharmatthaus

Rispondi
Avatar utente
Funakoshi
livello: sci uniti
Messaggi: 212
Iscritto il: 31 gen 2007, 10:03
Località: Monza

I nuovi materiali?

Messaggio da Funakoshi » 03 feb 2007, 13:04

A quanto pare, da voci di corridoio, le aziende produtrici di sci vorrebbero tornare a sci meno sciancrati primo per assecondare gli agononisti, vedi lamentele di mayer,miller e rocca, secondo per cercare di far diminuire la sensazione di sicurezza negli sciatori meno esperti.



Risulta anche a voi?

Avatar utente
lotharmatthaus
livello: sci totale
Messaggi: 2966
Iscritto il: 03 lug 2006, 14:10
Località: Monza
Contatta:

Messaggio da lotharmatthaus » 03 feb 2007, 16:27

Ho spostato la discussione nella sezione più adeguata...


com non è tanto una voce di corridoio, la tendeza si vede nei nuovi modelli race. Ma credo che questo riuarderà più che altro quella gamma di sci. Le aziende stanno differenziando talmente tanto i modelli che quasi non si capiscono più le categorie... tra questi c'è ampia possibilità di scelta di sci con sciancrature differenti, differente larghezza al centro, etcetc...

Avatar utente
Rob_Roy
livello: sci totale
Messaggi: 2237
Iscritto il: 11 nov 2005, 10:48
Località: Monte San Pietro (BO)

Messaggio da Rob_Roy » 03 feb 2007, 16:49

io da snowboarder nn credo proprio che le aziende vogliano tornare sui loro passi su tutta la produzione: negli ultimi 5 anni lo sci ha avuto una evoluzione esagerata verso il carving proprio per fare in modo di avvicinare la gente ad uno sport che altrimenti sarebbe risultato troppo ostico da imparare.

20 anni fa io mi ricordo benissimo quando iniziai a sciare, gli sci erano 2 assi di legno (quando andava bene) dove probabilmente il raggio di curvatura, se c'era :lol: , era prossimo allo ZERO: il risultato delle sporadiche uscite che mi potevo permettere in un anno non mi hanno fatto appassionare allo sport, ovviamente, i progressi erano troppo piccoli per farmi divertire in un tempo ragionevolmente breve.

Poi, mi spiace dirlo ma DEVO, è nato lo snow, che si fulcra totalmente sul raggio di curvatura: ovviamente essendo un attrezzo con molta meno tecnica da imparare ed assimilare dello sci prese piede e probabilmente le aziende produttrici di sci si svegliarono ed iniziarono a fare sci sempre più assomiglianti a snowboard, appunto i carving.

Oggi vedo che l'imparare ad andare in snow o sugli sci nn è poi tanto diverso da un punto di vista "tempi", per cui magari chi inizia, viste tutte le scomodità (e botte memorabili) che offre lo snow, tende allo sci.

Parliamoci chiaro: fino a pochi anni fa, quando nn c'erano sci freestyle era piuttosto difficile vedere evoluzioni con gli sci in fresca, oggi le fanno "tranquillamente" appunto perchè il mercato ha suscitato questa tipologia di richieste.

A mio avviso nn torneranno MAI indietro: la gente GIUSTAMENTE con quello che si spende per andare a sciare vuole imparare il più rapidamente possibile e con meno sforzo possibile...

Bye :P

Avatar utente
lotharmatthaus
livello: sci totale
Messaggi: 2966
Iscritto il: 03 lug 2006, 14:10
Località: Monza
Contatta:

Messaggio da lotharmatthaus » 03 feb 2007, 16:54

indietro sicuramente no, magari ci si assesta su sciancrature meno esagerate, nell'agonismo sta succedendo più o men questo

fedest
funky ski
Messaggi: 1427
Iscritto il: 03 lug 2006, 18:20

Messaggio da fedest » 03 feb 2007, 17:05

.....stessa opinione...... anche perchè se non vincono più le gare i soliti personaggi (Rocca, etc etc) ci sarà sempre qualcuno che arriverà primo, eppoi io mi trovo bene così.......che palle dover cambiare ancora una volta, ......si aspetti la prox generazione......

Avatar utente
lotharmatthaus
livello: sci totale
Messaggi: 2966
Iscritto il: 03 lug 2006, 14:10
Località: Monza
Contatta:

Messaggio da lotharmatthaus » 03 feb 2007, 17:09

occhio che si sta comunque parlando di differenze minime, non si tornerà di certo agli stecchetti di 2 metri!!!

Avatar utente
El posta sempar lu
livello: sci totale
Messaggi: 1621
Iscritto il: 06 ott 2005, 15:26
Località: castellanza

Messaggio da El posta sempar lu » 03 feb 2007, 17:27

Credo che gli sciatori proffesionisti, oltre che per la scaincratura, si lamentino anche per la reattività degli sci. Qualcuno di voi ha sicuramente provato qualche sci da gara (che sono meno sciancrati dei modelli in normale commercio), ormai sono diventati delle catapulte.... :shock:

Le sciancrature usate in coppa del mondo non sono esagerate: lo sci da slalom ha raggiunto un raggio di circa 15, intorno al 20 per il gigante, infine, a salire per le discipline più veloci. Mi pare inoltre che anche le lunghezze degli attrezzi siano aumentate notevolmente.

I materiali utilizzati riescono a "riscaricare" tutta, o quasi, l'energia accumulata durante la fase di deformazione in curva dello sci, all'atleta. Probabilemente tutta questa potenza diventa difficilemente gestibile.

Quindi, per concludere, credo che nn sia solo un problema di scincratura ma sopratutto di materiali e loro reattività.

A mio avviso nn torneranno MAI indietro: la gente GIUSTAMENTE con quello che si spende per andare a sciare vuole imparare il più rapidamente possibile e con meno sforzo possibile...
Completamente d'accordo e aggiungo divertimento maggiore, paval insegna :D

Rispondi