Schilpario, impressioni sulla rinata località sciistica

Parliamo delle località sciistiche Italiane. Qui trovi i reportage delle nostre e delle tue uscite sugli sci, la descrizione delle migliori stazioni alpine e appenniniche. E ancora curiosità, aggiornamenti, novità e richieste di consigli.

Moderatori: Rob_Roy, El posta sempar lu

Alessandro
livello: sci uniti
Messaggi: 200
Iscritto il: 16 ott 2004, 11:37

Re: Schilpario, impressioni sulla rinata località sciistica

Messaggio da Alessandro » 31 ott 2009, 14:03

E com'è l'esposizione? Al sole o in ombra? Mi sembra di capire che la pista rossa avrebbe bisogno di ombra per mantenere la neve dura mentre i bambini gradirebbero il sole per il loro campo scuola. Ma com'è quest'ultimo? Ci sono solo tapis roulant?

SCHILP
livello: spazzaneve
Messaggi: 36
Iscritto il: 27 ott 2009, 17:08

Re: Schilpario, impressioni sulla rinata località sciistica

Messaggio da SCHILP » 05 nov 2009, 09:32

Ombra piena, addirittura a dicembre e gennaio, a parte il tratto iniziale nella conca di Epolo, la pista non riceve mai il sole e la neve si mantiene perfettamente. Esposizione nord totale.

SCHILP
livello: spazzaneve
Messaggi: 36
Iscritto il: 27 ott 2009, 17:08

Re: Schilpario, impressioni sulla rinata località sciistica

Messaggio da SCHILP » 28 feb 2010, 19:39

Qualche giorno fa il sig. Severo Piantoni mi ha detto che la Regione Lombardia ha un contributo per la realizzazione della seconda seggiovia da Epolo a Cornabuca, credo un S2 ad ammoorsamento fisso.
Dato che non sanno ancora, però, la percentuale di contributo rispetto all'investimento complessivo, se questo è importante, magari si comincia a fare tutto già quest'estate, altrimenti si rimanda a tempi migliori. Comunque, per la prossima stagione è certo al 100% il nuovo impianto di innevamento artificiale.

SCHILP
livello: spazzaneve
Messaggi: 36
Iscritto il: 27 ott 2009, 17:08

Re: Schilpario, impressioni sulla rinata località sciistica

Messaggio da SCHILP » 10 mar 2010, 16:46

Leggo che, in base all'accordo di programma per lo sviluppo dei comprensori sciistici sottoscritto ai primi di febbraio, alla località di Schilpario sono stati destinati 7 milioni di euro. Come cifra non è male. Speriamo che davvero si possa realizzare l'ampliamento verso Cornabuca già da quest'estate. Già vedo che i fine settimana la presenza di gente sulla pista comincia ad essere interessante. Con l'aumento dei km sciabili, sicuramente il richiamo aumenterà non di poco. Chi vivrà vedrà....

Avatar utente
andrea
Site Admin
Messaggi: 3375
Iscritto il: 26 gen 2006, 23:01
Contatta:

Re: Schilpario, impressioni sulla rinata località sciistica

Messaggio da andrea » 11 mar 2010, 11:15

Conosci già i pendii su cui costruirebbero il nuovo impianto? Ne verrebbero piste tecniche?

SCHILP
livello: spazzaneve
Messaggi: 36
Iscritto il: 27 ott 2009, 17:08

Re: Schilpario, impressioni sulla rinata località sciistica

Messaggio da SCHILP » 11 mar 2010, 13:40

La linea della nuova seggiovia riprenderà, allungandolo, il corso del vecchio skilift di cui si vedono ancora le tracce a Epolo. Proprio da qui si vede un muro - ripidissimo - che verrà riattrezzato a pista in aggiunta a due nuove piste di livello rosso/blu.

alessio90
livello: spazzaneve
Messaggi: 12
Iscritto il: 04 ott 2010, 12:47
Località: Monza

Re: Schilpario, impressioni sulla rinata località sciistica

Messaggio da alessio90 » 27 dic 2010, 10:12

Riporto l'articolo che ho letto su fb.

Ma e vero che l hanno prossimo chiudono?????

E' una voce che gira in paese. Come dargli torto, spesso tiene aperte gli impianti con soltanto 2, 3 persone che sciano e 4, 5 impiegati fissi. Piantoni non molare!!!

http://www.facebook.com/home.php#!/grou ... 9161880324

SCHILP
livello: spazzaneve
Messaggi: 36
Iscritto il: 27 ott 2009, 17:08

Re: Schilpario, impressioni sulla rinata località sciistica

Messaggio da SCHILP » 27 dic 2010, 11:33

Ma no, ogni anno saltano fuori le stesse cose.
Soprattutto in paese, dove le gelosie campanilistiche e l'abitudine a far prima muovere gli altri e poi, casomai, andare a rimorchio, governano le relazioni queste voci periodicamente vengono fuori.
Io, personalmente, anche se un po' infastidito dalla chiusura degli impianti fino ad oggi - perchè non si è sparato quando faceva freddo a metà mese? - penso che un po' la famiglia Piantoni abbia solo voluto "risparmiare" un po' in un periodo non certo di vacche grasse.
Peraltro, non dimentichiamolo, si sa che la Regione Lombardia ha già deliberato lo stanziamento - mi pare - di almeno 7/mln di euro per il progetto di ampliamento verso la Corna Buca; mancano gli ultimi ok burocratici e poi si finanzia.
A quel punto, mi auguro, potendo disporre di una quota sciabile dai 1500 mt. in su - come a Colere - la stagione invernale non dovrebbe più patire troppo le bizze del tempo.
Chi vivrà, vedrà.
Forza Piantoni!!!

Avatar utente
lotharmatthaus
livello: sci totale
Messaggi: 2947
Iscritto il: 03 lug 2006, 14:10
Località: Monza
Contatta:

Re: Schilpario, impressioni sulla rinata località sciistica

Messaggio da lotharmatthaus » 28 dic 2010, 01:07

sottoscrivo e sperem, ovvio in senso lato, poi l asituazione specifica non la conosco, purtroppo per far stare in piedi una località sciistica serve ben altro che il nostro desiderio di vederle aperte...

francesco1
livello: virate
Messaggi: 85
Iscritto il: 03 feb 2011, 17:13

Re: Schilpario, impressioni sulla rinata località sciistica

Messaggio da francesco1 » 13 dic 2011, 20:20

Premetto che io sono tra coloro che sostengono che, a Schilpario, hanno fatto bene a costruire una seggiovia a 4 posti di ultima generazione. Sì, magari se avessero costruito una 4 posti "fissa" oggi avremmo già un altro impianto che estenderebbe la superficie sciabile, diversificherebbe le piste, alzerebbe di un pò la quota massima raggiungibile, ecc. Però, sono convinto che una località che riparte da zero, e Schilpario riparte indubbiamente da zero, debba investire sulla qualità dei propri impianti. In particolar modo, un posto come Schilpario che, credo, non arriverà mai a 40 km di piste, quei pochi impianti che ha devono essere di qualità. E la questione non è tanto quella di diversificarsi rispetto alle altre località limitrofe bensì, a mio giudizio, quella di avere pochi impianti sì, ma buoni! Altrimenti si fa come nella vicina Colere che, pur essendo un posto magnifico, per ora offre 3 seggiovie di cui 2 (su tre) assolutamente sorpassate. Allora io chiedo: sono stati già approvati dei progetti sulla seconda seggiovia di Schilpario, o per ora ci sono solo progetti in attesa di approvazione? E se sì, dove arriverà la seggiovia? Ciao a tutti

Rispondi