Schilpario, impressioni sulla rinata località sciistica

Parliamo delle località sciistiche Italiane. Qui trovi i reportage delle nostre e delle tue uscite sugli sci, la descrizione delle migliori stazioni alpine e appenniniche. E ancora curiosità, aggiornamenti, novità e richieste di consigli.

Moderatori: Rob_Roy, El posta sempar lu

Avatar utente
lotharmatthaus
livello: sci totale
Messaggi: 2947
Iscritto il: 03 lug 2006, 14:10
Località: Monza
Contatta:

Schilpario, impressioni sulla rinata località sciistica

Messaggio da lotharmatthaus » 29 ott 2009, 16:13

Qui le impressioni su SChilpario, in altro topic si parlava dell'interessante unica pista servita da una nuovissima seggiavia ad agganciamento automatico (l'unica della bergamasca se non sbaglio). Il giornaliero costa 22 euro, forse un po' troppi per una sola pista? parliamone, io sono convinto che al di sotto di una certa cifra per tutto il giorno non si possa andare...

Avatar utente
faber
livello: virate
Messaggi: 65
Iscritto il: 17 mar 2008, 18:51
Località: Val Seriana

Re: Schilpario, impressioni sulla rinata località sciistica

Messaggio da faber » 29 ott 2009, 16:35

Sono convinto che quando costruiranno la nuova seggiovia biposto, schilpario ricomincerà ad attrarre sciatori.

La zona è veramente meravigliosa ma una pista, anche se molto bella e servita da una seggiovia automatica, è ancora troppo poco.

Con l'investimento dell'anno scorso sono partiti alla grande...speriamo che continuito così perchè se si fermassero qui tutti i soldi spesi per la nuova SA4 sarebbero buttati via!

simon70
livello: sci uniti
Messaggi: 176
Iscritto il: 09 mar 2008, 14:41
Località: Lombardia

Re: Schilpario, impressioni sulla rinata località sciistica

Messaggio da simon70 » 29 ott 2009, 18:58

La seggiovia quadriposto è del 2007 e secondo me questa tipologia di impianto è stata un'errore di valutazione. L'avevo anche scritto su Funivie.org (su cui com'è ovvio, si crearono il filone dei sì e quello dei no). Anche se sono certo che qualcuno mi darà contro, a mio avviso sarebbe stato più opportuno risparmiare mettendo una biposto (o anche quadriposto ) fissa al posto dell'automatica e fare subito anche la seggiovia successiva di cui si sta ancora parlando. Non è che a Schilpario ci sia poi così tanta ressa, tantìè vero che prima c'era una lenta bidonvia biposto.
Sui 22 € di giornaliero (in a.s., mentre in b.s. sono € 18), beh... si dovranno ripagare l'impianto ma è decisamente tantino. A questo punto meglio Borno, dalla parte opposta del pizzo Camino ma con un comprensorio un po' più vasto (giornaliero: 25 € a.s e 20 € b.s.).
Tuttavia si legge di una bella iniziativa che magari porterà un po' più di gente: una convenzione con le Terme di Boario. Chi soggiorna durante la stagione estiva a Boario (in uno degli hotels convenzionati) avrà diritto per ogni giorno di permanenza, al giornaliero scontato del 50% in inverno a Schilpario, Montecampione e Borno. E presentando il giornaliero si avrà il 10% di sconto alla Spa delle Terme di Boario.

giampy_88
livello: virate
Messaggi: 141
Iscritto il: 14 apr 2009, 19:22
Località: Milano

Re: Schilpario, impressioni sulla rinata località sciistica

Messaggio da giampy_88 » 29 ott 2009, 19:52

io personalmente non ci sono mai stato a Schilpario.. ritengo corretto dire k sotto una certa cifra non si possa andare..non ripagherebbero nemmeno i costi.. però è anche giusto dire che così, con 1 sola pista, resta difficile attirare nuovi turisti.. gli investimenti dovrebbero tener anche conto del numero di piste.. e poi far si che si possano attirare investimenti nei servizi e nell'accoglienza.. certo si parla di cifre a tanti zeri.. :? forse la nascita di un comprensorio potrebbe ammortizare meglio i costi..

Avatar utente
faber
livello: virate
Messaggi: 65
Iscritto il: 17 mar 2008, 18:51
Località: Val Seriana

Re: Schilpario, impressioni sulla rinata località sciistica

Messaggio da faber » 29 ott 2009, 22:26

simon70 ha scritto:La seggiovia quadriposto è del 2007 e secondo me questa tipologia di impianto è stata un'errore di valutazione. L'avevo anche scritto su Funivie.org (su cui com'è ovvio, si crearono il filone dei sì e quello dei no). Anche se sono certo che qualcuno mi darà contro, a mio avviso sarebbe stato più opportuno risparmiare mettendo una biposto (o anche quadriposto ) fissa al posto dell'automatica e fare subito anche la seggiovia successiva di cui si sta ancora parlando.
Io invece giudico positivamente la scelta dell'impianto all'avanguardia (naturalmente bisogna abbinarlo ad innevamento artificiale, seggiovia biposto, strutture ricettive ecc...).

Credo che l'introduzione delle sole seggiovie biposto non avrebbe lasciato a schilpario nessuna speranza di rilancio significativa...Insomma...far rinascere la località con impianti già obsoleti non avrebbe comportato nessuna differenziazione rispetto alle vicine colere, lizzola, pora (i quali sono posti che se fanno utili é solo perché gli impianti sono completamente ammortizzati).

Il mio parere è che se si vuole rilanciare una località bisogna porsi un obiettivo ambizioso; occupare una posizione di nicchia ed accontentarsi della briciole significa aver fallito il rilancio.

simon70
livello: sci uniti
Messaggi: 176
Iscritto il: 09 mar 2008, 14:41
Località: Lombardia

Re: Schilpario, impressioni sulla rinata località sciistica

Messaggio da simon70 » 30 ott 2009, 11:14

perdonami, però anche con la quadriposto automatica non mi sembra ci sia stato un gran rilancio :wink:

SCHILP
livello: spazzaneve
Messaggi: 36
Iscritto il: 27 ott 2009, 17:08

Re: Schilpario, impressioni sulla rinata località sciistica

Messaggio da SCHILP » 30 ott 2009, 13:43

Naturalmente ci sono anch'io.

Dunque, la situazione attuale arriva dopo circa un ventennio di stop completo dello sci alpino a Schilpario. Quindi, la Cosepi srl - società propietaria degli impianti - ha smosso una situazione di immobilismo di vecchia data. Grazie ai contributi regionali e non a quello della comunità, ha dato una prima smossa alla località turistica Schilpario - lo sci di fondo, infatti, da solo non è in grado di richiamare molta gente.

Ovvio che durante tutti questi anni il nome di Schilpario si era parecchio raffreddato nella memoria degli sciatori ed è questo il motivo per cui la proprietà ha deciso di procedere per gradi: sia per non impegnarsi troppo tutto in una volta dal punto di vista economico, sia per vedere il tipo di risposta della gente alla bella novità.

Lo sanno benissimo anche loro che non ha senso fermarsi a questo punto ed, anzi, fin da subito era stata dichiarata la volontà di salire verso la Cornabuca con un'altra seggiovia. Si pensava in tre anni dal 2007, poi è arrivata la crisi economica e qualche difficoltà burocratica, ed ora la cosa è stata rimandata di 2/3 anni.

A questo proposito, l'ing. Piantoni, da me incontrato alla fiera Alta quota Di Bergamo ad inizio mese, mi ha confermato che, anzi, è previsto un ulteriore sviluppo con un'altra seggiovia verso i prati di Azzone, in modo da ottenere una pista di circa 8/9 km. E' stato presentato un progetto ad hoc in Regione per avere un contributo. Vedremo.

Ad oggi, comunque, anche se con un'unica pista, io a Schilpario mi diverto a sciare fino a stancarmi perchè di code non ne faccio mai. E il tracciato è davvero divertente. Magari un bel mattiniero, chi vuole togliersi la curiosità, può essere una buona soluzione.

Da ultimo, dato che di solito a Schilpario la neve non è un problema, l'innevamento programmato copre la parte bassa della pista, in attesa degli ok burocratici per l'installazione su tutto il percorso - senza sassi di sorta.

Adesso basta, altre cose in un altro post.

Avatar utente
lotharmatthaus
livello: sci totale
Messaggi: 2947
Iscritto il: 03 lug 2006, 14:10
Località: Monza
Contatta:

Re: Schilpario, impressioni sulla rinata località sciistica

Messaggio da lotharmatthaus » 30 ott 2009, 14:15

La scelta di fare un ammorsamento automatico secondo voi è azzeccata? Il percorso è lungo, ma visto che di gente non deve essercene tantissima... La scelta sembra proprio dettata dalla volontà di sviluppi futuri

simon70
livello: sci uniti
Messaggi: 176
Iscritto il: 09 mar 2008, 14:41
Località: Lombardia

Re: Schilpario, impressioni sulla rinata località sciistica

Messaggio da simon70 » 30 ott 2009, 14:29

ohhh...ecco l'intervento di SCHILP che aspettavo :lol: :wink:
Ecco un'altro Funiviario.org :wink: Benvenuto!
Avevo visto il tuo nome in altri posts e mi stupivo del fatto che non fossi ancora intervenuto qui.
Indubbiamente la recessione ha influenzato anche i progetti di Schilpario, concorderai però che 22 € di giornaliero per una pista, per bella che sia, è tanto. L'idea di puntare sul mattiniero (o sul pomeridiano) sarebbe più fattibile anche se pure in questo caso non sono concorrenziali (mattiniero € 19 nei festivi e in a.s. e 16 € nei restanti periodi mentre ad es. a Montecampione con decisamente più piste: 21 € festivi e a.s. e 14 € nei restanti). Potrebbe essere appetibile (butto lì un'ipotesi) se creassero una formula "mattiniero+piatto unico" tale da poter abbinare la sciata mattutina ad un buono pasto al rifugio Epolo, o "pomeridiano+merenda" o cosette del genere. Non farebbero il pienone ma qualcosa dovranno ben inventarsi se non vogliono che la gente continui a preferire Colere..

SCHILP
livello: spazzaneve
Messaggi: 36
Iscritto il: 27 ott 2009, 17:08

Re: Schilpario, impressioni sulla rinata località sciistica

Messaggio da SCHILP » 30 ott 2009, 15:54

Caro Simon 70, I remember you very well...

Credo che, per una località appena partita, 22 neuri possano essere il minimo per stare a galla, in attesa di sviluppi futuri.

Sicuramente la tua idea di abbinare al giornaliero un panino o qualcosa del genere mi sembra interessante, considerato che i gestori del rifigio Epolo sono sempre la famiglia Piantoni. Gliene parlerò senz'altro.

Una volta, Piantoni padre mi aveva detto che la scelta della SA4 era dettata sia dal fatto di diversificarsi rispetto alle altr località limitrofe (v. Colere), sia per una sorta di orgoglio legato alla volontà di fare le cose bene fin dall'inizio, in armonia con il progetto complessivo (v. ultriori impianti e piste e v. nuovo complesso residenziale stile Trentino che dovrebbe sorgere prima o poi nella zona di partenza della seggiovia).

Come detto prima, avendo fatto 30, non possono esimersi dal fare 31: altrimenti sarebbero soldi buttati.
Lo sviluppo ci sarà sicuramente, è solo questione di tempo.

Certo è che la pista è bella e varia: lunga circa 2 km, parte subito rossa e ben ampia, per poi stringersi in una specie di "esse" che sfocia in un muretto "nero" di circa 200/300 mt. Poi lo schuss finale blu, dove la pista si allarga in corrispondenza dello skilift Martofegn fino al termine. Quindi ce n'è per tutti i gusti e, pur se sempre la stessa, vi assicuro che la pista impegna veramente e, specialmente nella parte alta, consente di tirare dei bei curvoni.

L'anno scorso, per qualche tempo, è venuta ad allenarsi a Schilpario la Fanchini. Mica bau bau micio micio.

La conca di Epolo e quella gemella della malga Voia, riparate dalla parete nord del Pizzo Camino, sono catini freddi e sempre ben innevati fino almeno ad aprile. In basso, in una stagione normale, a quota 1.110 mt. si arriva sci ai piedi fino a marzo.

La natura, da questo punto di vista, è stata generosa l'alta Val di Scalve.

Comunque a Schilpario, come a Colere, di solito la neve è ottima ed abbondante e si può sciare in santa pace, senza fare code (neanche a Natale). Se poi si hanno bambini, il campo scuola è tra i più adatti che io conosca.

Quindi, per adesso la situazione è questa, ma foriera di buone prospettive.

Rispondi